Elettromagneti di blocco

Desiderate bloccare un portone, una porta oppure uno sportello e impedirne la riapertura accidentale oppure non autorizzata? Una leva oppure un altro dispositivo di azionamento manuale deve essere bloccato oppure sbloccato?

I nostri elettromagneti di blocco sono la soluzione giusta per voi.

Offriamo versioni in spinta e in tiro nonché varianti con finecorsa per l'interrogazione della posizione del perno di bloccaggio.

 

FAQ Elettromagneti di blocco

Quali sono le caratteristiche particolari di un'unità elettromagnetica di interblocco?

Un'unità di chiusura è un solenoide progettato per compiti di chiusura.  Le differenze rispetto ad un solenoide lineare sono:

  • Nel disegno dell'armatura
  • Stabilità del cuscinetto
  • Quando si installa una molla di ritorno

Con le unità di bloccaggio, un'estremità dell'ancora o dell'asta di ancoraggio è progettata come un bullone di bloccaggio. Questo bullone può assorbire forze trasversali definite. Per questo motivo, il cuscinetto del bullone o dell'ancoraggio è dimensionato di conseguenza. Una molla di ritorno definisce la posizione del perno di bloccaggio nello stato diseccitato. Se l'unità di bloccaggio viene scollegata.

Quali sono i vantaggi degli interblocchi elettromagnetici rispetto ad altre soluzioni?

Gli interblocchi elettromagnetici assorbono grandi forze trasversali. Per i valori fare riferimento alle nostre schede tecniche. Poiché il perno di bloccaggio è azionato direttamente dall'armatura del solenoide senza riduttore intermedio, si possono ottenere tempi di commutazione ridotti e un'elevata sicurezza di funzionamento.

Come si seleziona un'unità di chiusura?

Le caratteristiche importanti di un gruppo di chiusura sono la corsa - vale a dire la distanza percorsa dal perno di bloccaggio quando è sotto tensione - e la forza trasversale ammessa. Quando si sceglie l'unità di chiusura, è necessario assicurarsi che la forza trasversale effettivamente esercitata rimanga inferiore alla forza trasversale ammessa.

A seconda dell'applicazione, si può scegliere tra la versione a trazione (senza corrente bloccata) o a spinta (senza corrente sbloccata). Se la posizione del perno di bloccaggio deve essere interrogata, si consiglia di utilizzare una versione con interruttore di segnale.

Qual è la differenza tra una versione a trazione e una versione a spinta e quando viene utilizzata?

In una versione a trazione, il perno di bloccaggio viene estratto in posizione di riposo grazie alla forza della molla. Se all'apparecchio viene applicata la tensione di alimentazione, il bullone viene retratto. Le versioni a pressione funzionano al contrario. Il bullone di bloccaggio è tenuto in posizione non alimentata da una molla nel dispositivo. Quando è alimentato, viene spinto fuori dall'apparecchio.

La decisione per la rispettiva versione dipende in ultima analisi dall'applicazione e dai relativi requisiti. Per un primo orientamento, si consiglia di valutare le risposte alle seguenti domande dal punto di vista della sicurezza, del funzionamento e dell'energia:

  • Che cosa deve essere bloccato e cosa si deve ottenere con esso?
  • Quale stato dovrebbe assumere l'interblocco in caso di interruzione di corrente? In questo caso l'unità di sicurezza deve essere aperta o chiusa?
  • Ci sono specifiche delle normative pertinenti?
  • Per quanto tempo l'interblocco deve essere eccitato per garantire la funzione desiderata?
    • In caso di alimentazione di corrente continua, va notato che la superficie di un dispositivo di bloccaggio si riscalda.

 

Partner search

Contact sales

Postal code has to be numbers only and five characters long

Switchboard

MAGNET-SCHULTZ GmbH & Co. KG

+49 8331 1040