Elettromagneti di tenuta

Desiderate fissare o trasportare dei pezzi magnetici piani in modo semplice? Le porte devono essere tenute aperte o chiuse? Avete bisogno di una corsa molto breve e, tuttavia, di forze di tenuta elevate?

I nostri elettromagneti di tenuta sono la soluzione giusta per voi.

Offriamo elettromagneti di tenuta ed elettromagneti a magnete permanente con superficie del polo nuda o zincata e i supporti idonei, noti come piattelli.

FAQ Elettromagneti di tenuta

Quando vengono utilizzati i morsetti magnetici?

I magneti di tenuta vengono utilizzati quando sono richieste piccole corse o quando si devono tenere i pezzi in lavorazione o l'armatura opzionale.

Quali forze di tenuta posso ottenere con i magneti di tenuta?

Il nostro programma standard include magneti di tenuta nella gamma di diametro da 20 a 100 millimetri. A seconda delle dimensioni, la forza di tenuta varia tra 80 e 3700 Newton.

La forza di tenuta specificata nelle schede tecniche è efficace solo se le dimensioni e il materiale del pezzo corrispondono all'armatura proposta e non si creano tra il pezzo e la superficie del polo del magnete di tenuta a causa di disallineamento, irregolarità, contaminazione o corrosione. Anche i minimi interstizi d'aria riducono notevolmente la forza di tenuta.

Qual è la differenza tra un magnete di tenuta e un magnete permanente?

I due dispositivi differiscono nel loro modo di funzionamento, ma la maggiore altezza complessiva del magnete permanente è visibile dall'esterno. Il magnete di tenuta è costituito essenzialmente da una bobina in un vaso magnetico morbido. Quando la bobina è eccitata, il campo magnetico si crea sulla superficie del polo e le parti ferromagnetiche sono attratte.

Il magnete permanente contiene, oltre alla bobina, un magnete permanente. Questo assicura che le parti ferromagnetiche siano costantemente attratte. Il campo magnetico del magnete permanente è indebolito dalla corretta polarità della corrente applicata alla bobina - la forza di tenuta è ridotta ad una piccola forza di tenuta residua.

Come sono fissati i magneti?

I nostri magneti di tenuta hanno uno o più fori filettati per il montaggio sul lato posteriore. Per soluzioni speciali specifiche del cliente, sono possibili altri tipi di fissaggio, come il bloccaggio sulla circonferenza, il fissaggio a flangia o il fissaggio tramite collare tornito o incavo.

Perché la forza magnetica diminuisce più velocemente con i magneti di tenuta con il traferro che con i magneti lineari?

Il traferro, cioè la distanza tra l'armatura e la superficie del polo, rappresenta una grande resistenza al campo magnetico. Il principio di funzionamento relativamente semplice del magnete di tenuta significa che ci sono due efficaci intercapedini d'aria tra la superficie del polo e l'armatura. Con i solenoidi lineari, il numero dei traferri effettivi vengono ridotto ad uno grazie ad adeguate misure progettuali. Questo significa che si possono realizzare forze maggiori con corse maggiori.

Un anello nero è visibile sulla superficie del palo dei magneti di tenuta. Cosa c'è dietro?

L'anello nero è costituito da un composto speciale con il quale viene fissata la bobina nella pentola a calamita. Affinché la massa da invasatura non sporga in nessun caso oltre la superficie del palo e quindi non crei un vuoto d'aria indesiderato, essa è leggermente arretrata rispetto alla superficie del palo.

Partner search

Contact sales

Postal code has to be numbers only and five characters long

Switchboard

MAGNET-SCHULTZ GmbH & Co. KG

+49 8331 1040